Prefazione sull'interpreatzione di Enuma Elish
17.07.2016/16.01.2021

Le 7 tavolette dell'Enuma Elish

o il Dio Marduk, che si è auto-glorificato

Dal punto di vista di un traduttore professionista (tedesco, italiano)

Un traduttore professionista - anche di altre lingue - può tradurre solo nella propria lingua madre. Ciò significa che il testo tradotto deve necessariamente finire nella lingua madre del traduttore. Inoltre, questo traduttore dovrebbe avere "quasi" la stessa padronanza della lingua di origine di un madrelingua per poter capire cosa c'è tra le righe.

Ma proprio qui sta il problema più grande delle traduzioni dall'epoca precristiana, perché nessuno può padroneggiare una lingua antica al livello di una lingua madre. In realtà si può solo interpretare, perché il traduttore stesso ha al massimo una buona conoscenza scolastica di questa lingua antica. Per lo più avrà una buona padronanza delle parole, ma non è abbastanza credibile che abbia l'esatta conoscenza della grammatica e degli idiomi.



Per questo motivo, in questo contesto, preferisco persino le traduzioni letterali, perché così io stesso - come traduttore professionista di tedesco italiano - posso farne una mia versione.

Una traduzione letterale - come viene offerta oggi su Internet come traduzione online - è chiaramente sbagliata - ma permette di filtrare le ipotesi di fatto e di utilizzare i relativi sinonimi.

Il testo tradotto dovrebbe essere anche logico. I "Misteri" non devono verificarsi.

Pertanto il mio adattamento non è una traduzione. Esso segue la logica letteraria.

Ecco come interpreto le 7 tavole dell'Enuma Elish, sulla base della mia esperienza professionale, confrontando diverse traduzioni in tedesco, italiano e anche in latino.


Cliccate qui per trovare la mia nuova interpretazione dell'Enuma Elish

Invece qui troverete la tavoletta di Nippur con la sua interessante storia archeologica.